Arti marziali ica-do Rozzano

Tai Chi e Qi Gong

Sono pratiche che realizzano la massima "sconfiggere le malattie coltivando la salute".

Dal punto di vista della salute, infatti, il Tai Chi ed il Qi Gong:

  • rinforzano il corpo;
  • sviluppano la salute;
  • rendono le articolazioni forti ed elastiche;
  • stabilizzano ed equilibrano la mente.

Il Tai Chi è, inoltre, normalmente seguito dal termine "quan" che vuol dire "pugno" e che allude al fatto che si tratta di un’arte marziale.

Questo aspetto va sviluppato a parte con allenamenti che sono radicati negli aspetti per la salute.

  • rinforzano il corpo: perché la loro pratica insegna ad usare il corpo nella sua totalità e non soltanto una parte per volta.
  • sviluppano la salute: perché si impara a respirare e muoversi rendendo il busto morbido e, mentre ci si muove, si massaggiano vigorosamente gli organi interni. Si pone, inoltre, l’accento su una costante distensione dell’intera colonna vertebrale con un notevole beneficio per qualsiasi problema alla schiena.
  • rendono le articolazioni forti ed elastiche: in quanto tutte le articolazioni vengono costantemente sollecitate nel rispetto della loro naturale mobilità.
  • stabilizzano ed equilibrano la mente: in quanto favoriscono una respirazione calma e profonda e la loro pratica è costituita da un costante e lento fluire di movimenti .

La pratica del Tai Chi e del Qi Gong (entrambi di origine cinese), del maestro Antonio Giorato, consiste nell’apprendimento e nell’esecuzione di movimenti organizzati in precise sequenze predeterminate con lo scopo di favorire la salute ed il benessere attraverso lo sviluppo dell’energia vitale: il “Qi”.

Durante la pratica va bandita qualsiasi contrazione, senza per questo rendere i movimenti “molli”.

Queste tecniche, di origine molto antica, trovano spesso applicazione in campo medico e in Oriente non è raro constatare che i malati vengono curati con metodi che combinano l’uso di metodologie occidentali (i medici sono formati esattamente come in Europa) con metodologie derivate dal Tai Chi e/o dal Qi Gong.

Una caratteristica certamente interessante è legata alla possibilità di praticare Tai Chi e Qi Gong indipendentemente dall’età e dallo stato di salute: al di là dell’aspetto esteriore dei movimenti, ciò che più conta è rispettarne i princìpi. Pertanto, con la guida di un praticante esperto, è possibile adattare gli esercizi alle proprie possibilità motorie senza perderne i benefici, anzi, con la pratica costante si potranno constatare miglioramenti anche consistenti.

Una nota a parte va riservata alla pratica, in fase avanzata nello studio del Qi Gong, di esercizi per lo sviluppo dei chakra; vengono considerati e “lavorati” in profondità i 5 chakra situati lungo la colonna vertebrale: coccige, ombelico, stomaco, cuore e gola. Con la pratica regolare e corretta degli esercizi ciascuno di questi chakra si espande e si integra in quelli adiacenti e, nel corso del tempo, si ottiene un unico grande chakra che li comprende tutti.