La cellulite e i suoi rimedi

IMG_1103-0.jpg

La cellulite è unalterazione dello strato più profondo della cute detto ipoderma o sottocutaneo. In gergo medico è definita pannicolopatia edemo-fibro-sclerotica e comporta un’ipertrofia delle cellule e accumulo di liquidi e tossine metaboliche negli spazi interstiziali.

Ne soffrono:
Tutte le donne in sovrappeso
Il 30% delle normolinee
Il 60%-70% delle donne in menopausa
Nel 70% dei casi appare tra gli 11 e i 25 anni d’età
È correlata a:
- Alimentazione non corretta
Pillola anticoncezionale
Carenza di sport
Malattie circolatorie (circolazione venosa e linfatica)
Sovrappeso
Stress, che alza i livelli di cortisolo e aumenta la ritenzione idrica
Dolori mestruali
Abiti stretti e tacchi alti
Postura scorretta (per esempio le tenere le gambe accavallate che altera la circolazione a causa della compressione dei vasi o trascorrere molto tempo in piedi fermi, che compromette il ritorno venoso)
Fumo, perché inalando monossido di carbonio esso va in competizione con l’ossigeno, i vasi capillari si riempiono di tossine chcausano varici, vene varicose e radicali liberi.
I sintomi che causa la cellulite sono: tensione e pesantezza alle gambe; effetto “buccia d’arancia”, perché il corium, il connettivo che separa l’ipoderma dal derma è più sottile (e inoltre tende ad assottigliarsi con l’età); ritenzione idrica e tossine provenienti dai processi metabolici. La linfa si occupa della rimozione di questi prodotti dall'organismo e lo scorrimento attraverso i vasi è stimolato dalle contrazioni muscolari, quindi una mancanza di movimento determina un'inefficiente funzionalità della circolazione linfatica. 

Esistono tre tipi di cellulite:
Compatta: generalmente dolorosa, colpisce la parte inferiore del corpo;
Molle: generalmente non dolorosa, molle, colpisce la parte postero-mediale di braccia e cosce con comparsa di smagliature;
Edematosa: generalmente dolorosa, pastosa, colpisce cosce, ginocchia, gambe, polpacci, caviglie, ed è accompagnata da insufficienza venosa e linfatica agli arti inferiori.
Le cause della cellulite si ritrovano in un’alterazione delle cellule bersaglio degli estrogeni, nel ricambio cellulare, nella sindrome premestruale. La cellulite rappresenta uno stato di intossicazione generale da correggere intervenendo sull’apparato digerente, dando sostegno al drenaggio linfatico e al microcircolo e indagando gli squilibri ormonali in particolare di tiroide e pancreas.

Rimedi naturali 
La cosa più importante è adottare una sana alimentazione. Un’alimentazione che contenga fibre (frutta, verdura e cereali integrali) per migliorare la funzione intestinale e ridurre la pressione endo-addominale che si oppone al ritorno venoso e linfatico; bere molta acqua; assumere pesce (in particolare quello azzurro) ricco di Omega-3, gli acidi grassi essenziali che favoriscono la circolazione e aiutano ad eliminare le tossine, a ridurre i gonfiori e proteggere la struttura cellulare.Attenzione all’uso eccessivo di zuccheri (farinacei raffinati,  dolci, alcool) i quali vengono convertiti in grassi; e anche alll’abuso di grassi saturi che si trovano in carne rossa, insaccati elatticini, i fritti, che vanno a irrigidire troppo le membrane cellulari.

Assumere dei vaso protettori naturali, per esempio la vit. C e i flavonoidi (contenuti per esempio nei frutti di bosco, in particolare nel mirtillo nero e nel ribes nero e negli agrumi)Molto utili sone anche le alghe che accelerano il metabolismo e depurano l’organismo.

 

fitoterapici utili sono: il Fucus, un’alga ricca di iodio da non utilizzare in caso di ipertiroidismo; 

la Betulla linfa MG, come drenante e diuretico, spesso in associazione con il Castagno MG se è presente ristagno linfatico agli arti inferiori; l’Ippocastano MG antiinfiammatorio e antiedema; la Centella asiatica per l’insufficienza veno-linfatica. Gli oli essenziali che ci vengono in soccorso sono: il Ginepro, per eliminare l’acqua; Limone, Cipresso, Rosmarino e Geranio per la circolazione, da utilizzare dopo un bagno caldo diluiti in olio di mandorle dolciconcludendo il massaggio con un impacco di argilla per eliminare le tossine. Nella cellulite avanzata (sclerotica) consiglio la mesoterapia: un trattamento esclusivamente di competenza medica che consiste in iniezioni intradermiche di prodotti omeopatici, vitamine, minerali, amminoacidi con piccoli aghi speciali 

dottor Flavio Dainesi